Archivio per 15 marzo 2010

Tracklist:
Disc 1:

01. Aretha Franklin – Think (from Blues Brothers)
02. Ben E King – Stand by Me (from Stand by Me)
03. Billy Ocean – When the Going Gets Touch, the Touch Gets Going (from Jewel in the Nile)
04. Chris De Burgh – The Lady in Red (from Working Girl)
05. Cristopher Cross – Best Then You Can Do (from Arthur)
06. Credence Cleanwater Revival – Bad Moon Rising (from The Big Chill)

(altro…)

Tracklist:
1. Baby (feat Ludacris) 3:34
2. Somebody To Love 3:40
3. Stuck In The Moment 3:43
4. U Smile 3:16

(altro…)

Tracklist:
01 I Lost My Mind 04:24
02 Crazy 04:14
03 Keep Your Head High 04:01
04 Go-better 04:10
05 Bota Agua No Feijao 03:42

download

(altro…)

Tracklist:

01 Tinie Tempah – Pass Out
02 Rihanna – Rude Boy
03 Jason Derulo – In My Head
04 Ellie Goulding – Starry Eyed
05 Florence & The Machine Vs Dizzee Rascal – You’ve Got The Dirtee Love (Live At The Brit Awards 2010)
06 Alicia Keys – Empire State Of Mind (Part II)
07 Timbaland Feat Katy Perry – If We Ever Meet Again
08 Wiley Featt Emeli Sande – Never Be Your Woman
09 Boyzone – Gave It All Away

(altro…)

Istruzioni per l’uso: non chiedetevi perché il titolo Partir, sia diventato L’amante inglese. Perché si sia preso a prestito il titolo di uno splendido romanzo di Marguerite Duras, con cui i legami sono lontani e pretestuosi almeno quanto il richiamarsi a uno dei maggiori successi della protagonista, Il paziente inglese (pessima abitudine dei marketing tricolori). O forse solo perché Kristin Scott Thomas, splendida (quasi) cinquantenne, brucia di passione in questo psicodramma romantico e ruvido come sanno essere lei e Sergi Lopez (il macho fragile gli riesce benissimo, dopo Ozon). La storia è semplice, quasi scontata: casalinga disperata con marito benestante e noioso, vuole tornare a lavorare. Il consorte vuole risparmiare e finisce per dare in subappalto a un aitante lavorante spagnolo la costruzione dello studio in cui lei vuol tornare a praticare la cinesiterapia come in gioventù. Naturale che, come Eva Longoria con il suo giardiniere, la scintilla non possa che scoccare.

(altro…)

Tracklist:
01. Cracks In The Surface
02. The Effect
03. Defend Atlantis
04. If I

(altro…)

(altro…)

Tracklist :
1. Avril Lavigne – Alice (Underground)
2. The All-American Rejects – The Poison
3. Owl City – The Technicolor Phase
4. Shinedown – Her Name Is Alice
5. All Time Low – Painting Flowers

(altro…)

(altro…)

Nel deserto del Mojave uno squallido ristorante diventa l’epicentro del resoconto finale della Terra; ignari della catastrofe che sta per abbattersi sul pianeta, Bob Hanson, il proprietario del locale, e la cameriera Charlie, prossima al parto, sono intenti al loro lavoro di tutti i giorni, servendo una benestante coppia di periferia, Sandra e Howard e la loro figlia adolescente Audrey, in attesa che il figlio di Bob, Jeep, ripari la loro automobile. Con l’interruzione del segnale televisivo e della linea telefonica, il gruppo realizza di aver perso tutte vie di comunicazione con l’esterno. Mentre cercano di comprendere la ragione del loro isolamento, giunge una donna anziana che gentilmente ordina una bistecca a Charlie, quando le servono la sua ordinazione la donna comincia a sbraitare scioccanti oscenità. In un momento la fragile ed anziana signora genera una forza disumana, sferrando un attacco aggressivo e lasciando Howard gravemente ferito. Un disperato tentativo di fornigli assistenza medica termina quando un impenetrabile stormo di insetti volanti rende il ristorante l’unico luogo sicuro per diverse miglia.