Posts contrassegnato dai tag ‘Influenza’

6unblog influenza suina H1N1Visto lo scarso impatto che l’influenza A ha fortunatamente avuto, e’ scattata una vera e propria corsa alla ‘rivendita’ dei vaccini avanzati.E, in alcuni casi, come per conquistare il potenziale acquirente Ucraina, e’ concorrenza aperta tra i diversi governi.Hanno cominciato Francia e Germania mentre in Italia ancora nessuna decisione e’ stata presa in merito: si attendera’, prima di valutare la possibile opzione di vendita, il termine della campagna vaccinale in atto. (altro…)

6unblog mistero
Cosa ci fanno 500.000 bare di plastica in una base americana? Servono preventivamente per cosa se non perchè destinate a centinaia di migliaia di persone. (altro…)

Influenza H1N1: primo animale contagiato

Pubblicato: 19 novembre 2009 da Letizia in Animali, Ultima ora!
Tag:, , ,

WASHINGTON – L’influenza A è arrivata a colpire anche un gatto domestico. La prima diagnosi di contagio con il virus H1N1 su di un micio è avvenuta in Iowa ed a comunicarlo ufficialmente è stata oggi la American veterinary medical association.

IL CONTAGIO – Il gatto tredicenne ha apparentemente preso l’influenza da un membro «umano» della famiglia con cui vive: «Due o tre persone nella casa del gatto erano state colpite da una sindrome influenzale, probabilmente dovuta al virus H1N1 prima che il micio stesso si ammalasse», ha reso noto il dipartimento di veterinaria dell’Iowa.

(altro…)

6unblog vaccino H1n1 influenza
ROMA – Dalla Polonia un attacco ai paesi più ricchi sulla gestione dell’influenza A/H1N1. Un intervento in parlamento firmato dal ministro della Sanità, che accusa senza mezzi termini i governi, mette in discussione gli accordi con le case farmaceutiche e conclude: “Siamo in grado di distinguere una situazione oggettiva da una truffa”.

(altro…)

Influenza suina: Vaccino causa 7 morti

Pubblicato: 17 novembre 2009 da Letizia in Ultima ora!
Tag:, , ,

Roma, 17 nov. (Adnkronos/Adnkronos Salute) – Cresce la paura in Germania. Sette persone sono morte, nelle ultime tre settimane, dopo la vaccinazione contro l’influenza A con il siero pandemico Pandemrix (Gsk). Tra le vittime anche un neonato, si legge sul tabloid tedesco ‘Bild’ che dà ampio spazio alla notizia. Il piccolo, 21 mesi appena, soffriva di una grave cardiopatia congenita. Il giorno dopo la vaccinazione è stato colpito da infarto polmonare ed è morto, nonostante la respirazione artificiale.

(altro…)

Influenza H1N1 chi ci guadagna

Pubblicato: 12 novembre 2009 da Letizia in Ultima ora!
Tag:, , , ,

6unblog Influenza suina H1N1 salute

La solita stampa che prima ha contribuito in modo incondizionato a seminare il panico, inizia a porsi delle legittime (e finalmente sensate) domande. Siamo all’inversione di rotta.

L’inversione di tendenza era ipotizzabile nel momento in cui sono iniziati ad emergere i dati di quanti effettivamente erano ricorsi alla vaccinazione. Inoltre, altro segnale dell’imminente tracollo l’errata previsione sulle tempistiche in cui la famosa pandemia avrebbe dovuto presentarsi alle nostre porte. Era attesa per dicembre ed invece è arrivata prima dei vaccini (Fazio era addirittura arrivato a indicare la data del 18 dicembre come inizio del picco di contagiati. Meglio di Nostradamus).
(altro…)

Il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, lo ribadisce ogni giorno: “L’influenza A non è grave, salvo rarissimi casi, e i vaccini sono sicuri”.
Eppure, più che in altre occasioni, c’è molto scetticismo in giro. Nonostante, la campagna vaccinale antipandemia sia partita ormai in tutta Italia, il numero delle persone che si sono sottoposte al vaccino contro il virus A/H1N1 sono pochissime.
Il motivo non è ancora chiaro, ma la partenza a rilento fa pensare che la vaccinazione di massa potrebbe essere un flop.

Sulla reale pericolosità dell’influenza suina, ma soprattutto sull’efficacia e sui rischi del vaccino, i dubbi dell’opinione pubblica non si sono ancora sciolti.
(altro…)

Influenza H1N1:cosa fare se il bambino sta male

Pubblicato: 10 novembre 2009 da Letizia in Ultima ora!
Tag:, ,

influenza H1N1 6unblog

Nei giorni in cui il bambino sta male:

• fatelo stare a casa per 7 giorni dall’inizio dei sintomi o per 24 ore dalla scomparsa dei sintomi, qualunque sia stata la loro durata;

• fatelo bere abbondantemente liquidi (acqua, brodo, succhi di frutta, spremute, frullati), per evitare la disidratazione;

(altro…)